Le Nostre Offerte

Tutte le Offerte della Pendolino SRL

Alfaromeo 156 1.8 twin spark

Auto uniproprietario

€ 15.000

€ 2.500

IVA Inclusa

Alfa Romeo 156 1.8 Twin Spark

 

 

L’Alfa Romeo 156 (Progetto 932) è una berlina di segmento D prodotta dalla casa automobilistica italiana Alfa Romeo e commercializzata dal1997 al 2005, anno in cui viene sostituita dalla 159 (la versione Crosswagon viene invece prodotta fino al 2007[1]).

Per qualche appassionato del marchio, nei primi anni novanta l’Alfa 155 aveva in qualche modo minato la reputazione della casa del biscione per quel che doveva essere l’aspetto dinamico di una vettura di Arese. La 155 veniva rimproverata, in particolare, di aver completamente abbandonato i canoni sportivi del marchio, per abbracciare una condivisione fin troppo stretta con la Fiat Tempra e la Lancia Dedra (dalle quali derivava)[2].

Alfa Romeo 156 1.8 Twin Spark

La 156 in versione Sportwagon

Il Gruppo Fiat cercò allora di realizzare una sostituta della 155 che potesse ritrovare quelle caratteristiche dinamiche che gli alfisti chiedevano. Niente ritorno della trazione posteriore, comunque, ma certo una vettura che potesse diversificarsi e non poco dalle altre auto medie del gruppo. Si decise di partire dal pianale Tipo II, ma di modificare molte parti in modo da ottenere una massa inferiore (struttura plancia in magnesio) e un comportamento dinamico superiore con sospensioni indipendenti posteriori. Si arrivò, quindi, a definire il pianale Tipo II rev 3 da condividere con la più piccola 147, la GTe, con sospensioni differenti sia anteriori che posteriori, anche con la Lancia Lybra[3], che rimarrà nel tempo un’esclusiva Alfa Romeo. Una piattaforma dotata di sospensioni inedite a quattro ruote indipendenti. Questo fu il compromesso trovato dal Gruppo Fiat, nella speranza di poter tornare a soddisfare quelle che erano le richieste di un mercato molto esigente quale quello che sempre si era rivolto alle vetture Alfa Romeo.

Fu sotto queste linee guida che al Salone di Francoforte del 1997 venne presentata la nuova berlina di segmento D di Arese[2], la quale ottenne subito un enorme numero di consensi sia da parte degli appassionati del marchio, sia da parte delle riviste specializzate. A riprova di questo, i numeri di vendita sopra ogni aspettativa (90 000 ordini solo nei primi 4 mesi di commercializzazione) e il titolo di Auto dell’anno 1998[4]. Solo nel 2000 verrà poi lanciata la versione station wagon della 156, denominata Sportwagon[2].

La Alfa Romeo 156 è stata utilizzata come gazzella dall’Arma dei Carabinieri, rimpiazzata ora dall’Alfa Romeo 159 sebbene ancora molti esemplari siano tuttora in servizio.

La 156 è un’auto caratterizzata da una linea particolarmente armoniosa e al tempo stesso aggressiva, che porta la firma di Walter De Silva[2]. La vettura abbandona completamente lo stile spigoloso e a cuneo della 155, in favore di una linea più dolce composta da linee tese e raccordi ad ampio raggio. Una caratteristica particolare è data poi dallo spostamento delle maniglie delle portiere posteriori in una posizione integrata con i finestrini laterali, tale da renderne difficile l’individuazione ad un primo sguardo[3].

Alfa Romeo 156 1.8 Twin Spark

Gli interni della 156 II serie

Anche gli interni portano in dote la stessa evoluzione stilistica degli esterni[3]: linee molto morbide caratterizzano l’intera plancia e due grandi elementi circolari costituiscono il cruscotto di fronte al pilota. Tre piccoli strumenti circolari presenti sulla plancia centrale seguono la tradizione della casa. Il volante, inedito, incorpora l’airbag (fino a quel momento di serie solo sulla più lussuosa 164) e, in optional, può avere la corona in radica.

L’ultimo modello della prima serie fu la Limited Edition che si distingueva, oltre che per il particolare colore grigio/azzurro metallizzato, anche per l’interno in pelle nera MOMO, volante e pomello cambio in pelle, strumentazione con fondini neri e cifre arancio, console in carbon look, minigonne e cerchi da 16″ a motivi lenticolari (gli stessi del pack sport) con pneumatici 205/55 R16. È stata prodotta solo nelle motorizzazioni 1,9Jtd e 1,8 TS nel 2001.

La II serie

Alfa Romeo 156 1.8 Twin Spark

La III serie della 156, su cui spicca ilrestyling del frontale ad opera diGiugiaro.

Il Model Year 2002 (II serie) propone numerose novità, a livello di estetica, equipaggiamenti e motorizzazioni[5]. Per quanto riguarda gli interni, Alfa Romeo cerca di sopperire alle richieste dei clienti, i quali avevano avvertito un livello di qualità inferiore rispetto al resto dell’auto. Viene quindi modificata leggermente la parte centrale della plancia che, in alto, si arricchisce del computer multifunzione di bordo. Viene allargata anche la disponibilità di colori. Numerosi optional vengono aggiunti: nuovi servizi di infotainment (denominatiConnect e Connect Nav), l’impianto stereo Bose e un nuovo sistema di climatizzazione automatica bi-zona. Viene infine adottato un nuovo volante (provvisto di tasti per il controllo per l’impianto stereo) il quale, per le versioni dotate di cambio Selespeed, sostituisce i tasti sulle razze con delle levette (meglio conosciute come paddles).

Gli esterni sono caratterizzati dai consueti paraurti della serie precedente, ma completamente in tinta con la carrozzeria, al pari degli specchietti retrovisori. Sparisce la serratura del baule nascosta dietro lo stemma. Sono inoltre disponibili dei nuovi fari allo xeno[6].

La III serie

Alfa Romeo 156 1.8 Twin Spark

L’Alfa Romeo 156 III Serie

Nel fine giugno 2003 entra poi in scena la III serie della 156[7], la quale viene sottoposta ad un massiccio restyling ed introduce ulteriori innovazioni e aggiornamenti. In questo caso, la linea esterna subisce una serie di modifiche ad opera di Giorgetto Giugiaro[8], che anticipano, in qualche forma, quella che sarà il design della successiva 159 (affidata allo stesso designer). Le linee morbide che caratterizzavano la serie precedente vengono sostituite da nuovi tratti leggermente spigolosi e più sportivi. Nel 2004 viene presentata anche l’Alfa 156 Crosswagon[9], una versione crossover con trazione integrale e carrozzeria rialzata da terra con vistose protezioni per il fuoristrada. Nello stesso anno venne presentata la 156 GTA AM (Autodelta Maggiorata) realizzata dalla Autodelta e dotata di un propulsore 3.7 V6.[10]

 

 

 

Modifiche e tuning

La 156 è stata anche oggetto di numerosi interventi, da parte di appassionati e associati a club motoristici, di tuning estetico e funzionale. Soprattutto per la prima serie, prodotta in un maggior numero di esemplari, molte case di produzione hanno commercializzato un certo numero di parti aggiuntive o sostitutive, come alettoni posteriori, minigonne, paraurti e frontali. Allo stesso modo molti appassionati hanno sviluppato svariate modifiche meccaniche e motoristiche, spesso condivise su siti web e forum.

La guidabilità è, come da tradizione Alfa Romeo, di prim’ordine, grazie a una elevata resistenza torsionale e a un intelligente schema di sospensioni, con una soluzione a quadrilatero alto (derivata dalle corse) all’anteriore e MacPherson per il posteriore[3]. Tale soluzione permette di ridurre l’effetto di sottosterzo grazie a una certa azione autosterzante delle ruote posteriori[2]. Se la tenuta e la stabilità ne beneficiano, non si può dire altrettanto del diametro minimo di sterzata, decisamente ampio e quindi scomodo in manovra.

Alfa Romeo 156 1.8 Twin Spark

La 156 Crosswagon

La berlina fu offerta sul mercato con la sola trazione anteriore con motore trasversale, ma dal 2003, in concomitanza con il restyling di Giugiaro, furono introdotte due versioni della Sportwagon a trazione integraleQ4 abbinata al motore Multijet da 150 cavalli[11], una con caratterizzazione più stradale, l’altra, denominata Crosswagon[12], con una certa vocazione fuoristradistica, grazie alla presenza di un assetto rialzato, a protezioni sotto la scocca e sotto i paraurti. Tali veicoli si basano su uno schema di trazione integrale a 3differenziali, di cui il centrale è di tipo Torsen C. La coppia motrice viene trasmessa al 58% all’asse posteriore in condizioni di aderenza ideale. È lecito dire che le versioni Q4 della 156 furono introdotte anche a scopo di studiare il nuovo sistema di trazione integrale, per perfezionarlo in vista del lancio, di lì a breve, della sostituta 159.

Disponibili su alcune versioni i sistemi VDC e ASR, mentre su alcune motorizzazioni erano presenti di serie.

Di particolare rilevanza è l’uso, per la prima volta su un modello di grande serie, di componenti di assemblaggio in magnesio. Sono infatti realizzati in questo materiale la traversa di supporto della plancia, l’anima metallica dello sterzo, ed il telaio dei sedili anteriori.

L’Alfa 156 è stata anche assemblata in Thailandia tra il marzo 2002 e fine 2004[13]. Poche centinaia di esemplari sono usciti dallo stabilimento General Motors locale.

L’innovazione motoristica

Alfa Romeo 156 1.8 Twin Spark

Il motore 2.5i V6 24V a benzina

Da sottolineare la principale innovazione portata dalla 156, per la quale essa passerà alla storia dell’automobile: l’introduzione, per la prima volta al mondo nel 1997 e in contemporanea con la Mercedes-Benz (in quanto il brevetto apparteneva al Gruppo Fiat ed era stato messo a punto assieme alPolitecnico di Bari, ma per le cartolarizzazioni fu venduto alla Bosch[14]) Classe C, del motore turbodiesel a iniezione diretta common rail[3], una vera rivoluzione nella tecnologia motoristica, in seguito impiegata da tutte le case automobilistiche.

La storia del common rail è una storia molto italiana ed il “padre” di questo sistema è considerato il fisico barese Mario Ricco (all’epoca direttore del Centro Ricerche Alimentazione Motori Elasis). Ed infatti mentre la parte elettronica è stata sviluppata dal Centro Ricerche Fiat di Orbassano e dai centri Magneti Marelli di Torino e Bologna, l’iniettore, la pompa ed il regolatore di pressione (in pratica il “cuore” del sistema common rail) sono stati sviluppati proprio dal Centro Ricerche Alimentazione Motori Elasis di Bari (centro ricerche del Gruppo Fiat). Ed ancora oggi è a Bari, nella zona industriale, lo stabilimento della Bosch che produce le pompe ad alta pressione per tutto il mercato europeo.

Nel 2002, inoltre, la 156 ha introdotto per le motorizzazioni diesel la tecnologia Multijet (associata a una distribuzione a quattro valvole per cilindro) che permette iniezioni di gasolio multiple per ogni combustione, migliorando prestazioni e consumi.

Sul versante dei motori a benzina, sempre nel 2002 Alfa Romeo sostituisce il classico 2.0 Twin Spark[3] (che rispetto al precedente 2.0 16V della 155 aveva adottato un sistema di collettori a lunghezza variabile arrivando a 155 cavalli) con il nuovissimo 2.0 JTS (Jet Thrust Stoichiometric) a iniezione diretta, capace di sviluppare 165 cavalli e 210 N m di coppia massima, ottenendo un netto risparmio sui consumi rispetto al precedente motore, che però alla guida appare più appagante[15], anche a causa del più avanzato stato di sviluppo del precedente Twin Spark.

Per quanto riguarda il top di gamma l’innovazione lascia posto alla tradizione. Si trovano infatti due versioni del propulsore V6 Busso (dal nome del suo progettista, Giuseppe Busso), che montato proprio su 156, oltre che sull’Alfa Romeo 147 concluse trent’anni di onorata carriera: un 2,5 l da 192 cavalli e il 3,2 montato sulla 156 GTA da 250 cavalli, che si può dire il canto del cigno di questo 6 cilindri[16].

Motori a benzina

I motori a benzina sono i classici Alfa Romeo già adottati negli ultimi anni anche dalla precedente Alfa 155: i propulsori assemblati dall’FMA di Pratola Serra a 4 cilindri e il 2,5 V6 Busso al top di gamma[3]. Entrambi rispettano la nuova norma antinquinamento Euro 2.

I motori assemblati dall’FMA sono caratterizzati da una distribuzione a quattro valvole per cilindro comandate da un doppio albero a camme in testa. Ciascun cilindro può vantare poi una doppia candela di accensione (in inglese Twin Spark, che per appunto è anche la denominazione usata da Alfa Romeo).

Il V6 Busso bialbero a 24 valvole in un primo momento viene offerto unicamente in versione da 2,5 litri di cilindrata, mentre nel 2002 verrà offerta anche la nuova versione da 3,2 litri abbinata alla storica sigla GTA[2].

Nel 2000 tutti i benzina subiscono una serie di aggiornamenti tali da rispettare la nuova normativa antinquinamento Euro 3[17]. Nel febbraio 2002 invece, in contemporanea alla presentazione di un leggero restyling, viene inserita nella gamma il rinnovato 2,0 litri JTS ad iniezione diretta di benzina omologato Euro 4 e abbinato sia al cambio manuale a 5 rapporti che al robotizzato Selespeed[18].

 




 

  • There are no features available

Anno: 1998
Produttore: Alfaromeo
Modello: 156
Cilindrata: 1753
Chilometri: 145919
Cambio: Manuale
Marce: 5
Condizioni: Usato
Luogo: Licata
Prezzo: € 2.500
Porte: 4/5
Motore: Benzina
Colore Esterno: Argento
Colore Interno: Blu
Consumo: 13 Città / 16 Autostrada
Climatizzatore: Manuale
Garanzia: 12 Mesi

Fuel Efficiency Rating

  • Città: 13
  • Autostrada: 16

Questi valori indicano il consumo di quest'auto in Città ed in Autostrada. Questi valori pososno cambiare in base a diversi fattori come lo stile di guida , il traffico etc etc.

Recent Vehicles

Browse through the vast selection of vehicles that have recently been added to our inventory.

AUDI Q3 2.0 TDI 140 QUATTRO S LINE
€ 22.000
BMW 320 D 164 CV FUTURA
€ 5.300
SMART FORTWO 0.8 CDI PASSION
€ 3.500
VOLKSWAGEN TIGUAN 2.0 TDI 170 CV 4MOTION SPORT & STYLE BMT
€ 16.500
FIAT PUNTO CLASSIC 1.2
€ 3.700
FIAT PANDA 1.3 MJET 75CV EASY
€ 7.200
FIAT PANDA 1.3 MULTIJET DYNAMIC
€ 4.000
MERCEDES BENZ GLA 200 CDI
€ 25.500
FIAT PANDA 1.2 DYNAMIC
€ 4.500
FORD FIESTA 1.6 TDCI 95 CV
€ 7.800
RANGE ROVER EVOQUE 2.2 TD4 DYNAMIC
€ 25.900
FIAT PUNTO NATURAL POWER
€ 2.900
FIAT PUNTO 1.3 M-JET DYNAMIC 5P
€ 3.500
NISSAN QASHQAI 2.0 DCI 150 CV ACENTA 4WD
€ 8.250
RENAULT TRAFIC 2.0 DCI 115CV
€ 10.000
VOLKSWAGEN GOLF 7 1.6 TDI 110 CV LIFE
€ 13.000
AUDI Q3 2.0 TDI 140 CV
€ 18.500
FIAT CROMA 1.9 MULTIJET 120 CV
€ 6.200
Citroen C3 1.4 HDI exclusive
€ 4.500
FORD FIESTA 1.4 TDCI 5P
€ 7.500
FIAT SCUDO 2.0 JTD
€ 5.300
PEUGEOT 206 HDI 5PORTE
€ 2.800
NEW FORD KUGA TITANIUM 2.0 TDCI 140 CV
€ 17.900
Alfaromeo 155 1.7 twin spark
€ 1.800
CARROATTREZZI – IVECO DAILY 35 c 13 – 2.8 JTD 130 CV
€ 25.000
Fiat punto 1.9 jtd sporting – Anno 2003
€ 3.500
ALFA ROMEO GIULIETTA 1.6 JTDM – 105cv Distinctive Pack Sport
€ 11.200
RENAULT SCENIC X-MOD – 2013 – 1.5 dCi 110CV SeS
€ 10.500
Lancia Ypsilon “Gold” – 1.3 Multijet 95 Cavalli – Bicolore 5p
€ 9.950
Alfa Romeo Giulietta 1.6 mjet – 105cv Distintive
€ 13.500
Fiat Coupè – 2.0 i.e. turbo 20V
€ 10.000
FIAT Punto – 1.2 8 v “Street” – Km 0 – Aprile 2016
€ 8.750
Opel Mokka – 1.7 CDTI Ecotec 130CV 4×4
€ 16.900
Nissan Juke – 1.5 Dci “Acenta” Pure Drive
€ 12.650
Lancia Musa Platino 1.3 Multijet 90 Cv Bicolore
€ 7.950
Hyndai iX35 – 1.7 CRDi 2WD “Blue Drive” con Navigatore
€ 13.650
BMW 520 I – Uniproprietario – Anno 1996
€ 4.950
Bravo GT 1.9 JTD 105 CV
€ 1.500
Volkswagen Golf IV 1.9 TDI 150 CV cat 5 porte Highline
€ 4.500
Lupo 1.0 College – 1.0 Cc – 50 CV (37 Kw)
€ 2.350
Alfaromeo 156 1.8 twin spark
€ 2.500
Fiat Tipo 1.6 sx
€ 1.800

Email to a Friend

Name:
Email:
Friends Email:
Message:
reCAPTCHA:

Trade-In

Contact Information

First Name
Last Name
Work Phone
Phone
Email
Preferred Contact
Comments

Options

Vehicle Information

Year
Make
Model
Exterior Colour
VIN
Kilometres
Engine
Doors
Transmission
Drivetrain

Vehicle Rating

Body (dents, dings, rust, rot, damage)
Tires (tread wear, mismatched)
Engine (running condition, burns oil, knocking)
Transmission / Clutch (slipping, hard shift, grinds)
Glass (chips, scratches, cracks, pitted)
Interior (rips, tears, burns, faded/worn, stains)
Exhaust (rusted, leaking, noisy)

Vehicle History

Was it ever a lease or rental return?
Is the odometer operational and accurate?
Detailed service records available?

Title History

Is there a lienholder?
Who holds this title?

Vehicle Assessment

Does all equipment and accessories work correctly?
Did you buy the vehicle new?
Has the vehicle ever been in any accidents? Cost of repairs?
Is there existing damage on the vehicle? Where?
Has the vehicle ever had paint work performed?
Is the title designated 'Salvage' or 'Reconstructed'? Any other?
reCAPTCHA:

Make an Offer

Name:
Preferred Contact:
Email:
Phone:
Offered Price:
Financing Required:
Other Comments/Conditions:
reCAPTCHA:

Schedule Test Drive

Name:
Preferred Contact:
Email:
Phone:
Best Day:
Best Time:
reCAPTCHA:

Request More Info

Name:
Preferred Contact:
Email:
Phone:
reCAPTCHA:
Back to top